Visualizzazioni totali

domenica 4 settembre 2011

Wikileaks pubblica 251.000 cablogrammi della diplomazia americana ed è il solito scandalo

Wikileaks, come del resto aveva annunciato, ha reso noto i cablogrammi diplomatici americani, consultabili con l'aiuto di keyword. L'annuncio è stato pubblicato su Twitter con tanto di link, attraverso i quali accedere a 60 GB di torrents. I files sono in forma criptata ma viene fornita una chiave per la lettura oltre che per la ricerca: Link 1 e Link 2.
E' la risposta di Julian Assange al Guardian, il quotidiano inglese che attraverso la persona di David Leight, non ha rispettato gli accordi presi in merito alla copia dei cablogrammi in questione, richiesta dal Guardian nell'estate dello scorso anno e che ha portato Assange a chiudere definitivamente i rapporti con il quotidiano. Assange in passato aveva sempre centellinato l'uscita dei cablo, accordandosi con qualche testata giornalistica, ma questa volta la Testata Giornalistica ha giocato sporco cercando in malo modo di scavalcare lo stesso Assange. Dopo questi fatti, Leight ha reso nota la password del database per l'accesso ai cablogrammi,  pubblicandola in un suo libro, da qui la crociata contro il giornale e la pubblicazione dei cablo.
Certo che quando vengono svelati segreti scomodi di grandi potenze e magari rese note anche la cattiva fede di giornali servili che cercano di manipolare l'informazione a seconda della loro convenienza, diventa un gioco da ragazzi rivoltare la frittata e tacciare d'irresponsabilità chi tenta di mettere nero su bianco. Improvviso panico e rivolta della stampa, ma che volete, l'informazione o vivere sempre e comunque facendo finta di nulla? Bah!




Nessun commento :

Posta un commento